Benvenuti

L'ASSOCIAZIONE CONSUMATORI CODICI TORINO, Centro per i Diritti del Cittadino ha una Sede Regionale a Torino e uno Sportello a Susa. Presto saranno aperti altri sportelli.

Contattaci

Email TORINO: codici.torino@codici.org
Email SUSA: codici.susa@codici.org
Telefono unico regionale: 011 7933659
Mobile regionale: 347 5356436
Fax 011 19835775

Sede di Torino

Corso Lecce, 9 - 10145 Torino

Sportello di Susa

Via Palazzo di Città, 39 - 10059 Susa
347 5356436 info@aiutoconsumatori.it

Le Case auto pizzicate a fare cartello!

Sporco Accordo

Chi ha stipulato un contratto di finanziamento per l’acquisto dell’auto tra il 2009 ed il 2017 può contattare l’Associazione Codici Torino al numero telefonico 011-7933659 oppure all’indirizzo email codici.torino@codici.org per valutare l’opportunità di chiedere la restituzione degli interessi pagati. Stiamo mettendo a punto una formula di patrocinio specifica per questo tipo di cause.

Cosa è successo?

L’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), con la collaborazione del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, ha chiuso l’istruttoria avviata a maggio 2017 riguardo le captive banks, ossia le finanziarie legate ai costruttori per offrire finanziamenti ai clienti, scoprendo un vero e proprio cartello nella gestione dei finanziamenti per l’acquisto di auto.

Si tratta di uno sporco accordo

In questi ultimi 15 anni, le varie aziende del settore automotive si scambiavano informazioni relative a variabili sensibili nella fissazione delle condizioni per la concessione di finanziamenti e leasing con tanto di moduli chiamati benchmarking for succes creati appositamente per tale scopo.

Tutti coinvolti: 20 Società operanti in Italia

Responsabili dell’intesa sono state le società Banca PSA Italia S.p.A., Banque PSA Finance S.A., Santander Consumer Bank S.p.A., BMW Bank GmbH, BMW AG, Daimler AG, Merceds Benz Financial Services Italia S.p.A., FCA Bank S.p.A., FCA Italy S.p.A., CA Consumer Finance S.A., FCE Bank Plc., Ford Motor Company, General Motor Financial Italia S.p.A., General Motors Company, RCI Banque S.A., Renault S.A., Toyota Financial Services Plc., Toyota Motor Corporation, Volkswagen Bank GmbH, Volkswagen AG.

In considerazione della gravità e durata dell’infrazione, l’Autorità ha imposto sanzioni per 678 milioni di euro.

Secondo la legge – spiega l’Avvocato di Codici Marcello Padovani – in caso di intesa restrittiva della concorrenza, i contratti stipulati tra le imprese parte del cartello e gli utenti finali sono nulli, con i conseguenti obblighi restitutori. In questo caso, la nullità non può che colpire gli interessi pagati e da pagare in esecuzione del contratto di finanziamento stipulato per l’acquisto dell’auto“.